Filo per cucire: come scegliere quello giusto per ogni lavoro

come scegliere il filo per cucire

In questa guida scopri come scegliere il filo per cucire giusto per ogni lavoro, capire la differenza tra i vari materiali con di cui sono fatti i filati e per quali usi sono più indicati.

Sia che tu debba cucire a mano oppure con la macchina da cucire ti serve il filo adatto per ogni lavoro che devi fare, scopri in questa guida il filo giusto per cucire a macchina o con la tagliacuci oppure per imbastire e inoltre capire quando è meglio usare il filato di cotone, sintetico, di seta e altri materiali.

In commercio si trovano molti tipi di filo per cucire in qualsiasi modo; a macchina, a mano, con la tagliacuci, per imbastire e ricamare a macchina, i filati che servono per confezionare capi di abbigliamento, tende, copridivani, lenzuola e cuscini devono essere resistenti e leggermente elastici per consentire anche un minimo di cedimento senza rompersi troppo facilmente mentre i fili per ricamare o per decorare in genere sono molto meno resistenti ma più lucenti e grossi.

Come deve essere un buon filo per cucire?

Un filo per cucire di buona qualità deve essere resistente ed elastico al punto giusto, deve avere una giusta consistenza, avere una superficie liscia e non deve aggrovigliarsi troppo, se si tira un filo tra 2 mani deve tendersi abbastanza senza rompersi,.

Un buon filato si riconosce anche quando viene tagliato e quando si deve infilare nell’ago della macchina o in quello a mano, il filo tagliato sarà netto e molto facile da infilare mentre un filo di bassa qualità appena tagliato non sarà mai netto e presenta i classici filamenti allungati molto difficili da farli entrare negli aghi.

Infine, non so se ti è mai capitato di cucire a macchina con filo di bassa qualità e aver dovuto interrompere la cucitura molte volte perchè il filo si spezza molto facilmente sopratutto se la macchina da cucire va molto veloce e non è raro vedere le cuciture rompersi dopo poche volte che si è indossata una gonna oppure alla prima occasione che si tira fuori un copricuscino dall’imbottitura tanto per farti degli esempi.

Come scegliere il tipo di filato giusto

Scopriamo ora quanti tipi di fili per cucire ci sono e come capire quale usare per i diversi tipi di cuciture, tessuti e creazioni.

  • Cotone da cucito mercerizzato
  • Filo da cucito sintetico
  • Filato di lino
  • Filo di seta
  • filo resistente
  • filato da imbastitura
  • Filo per ricamare a macchina
  • Filati di nylon
  • Filo per la tagliacuci

Filo per cucire in cotone mercerizzato

Il cotone da cucito mercerizzato è un filato di cotone molto resistente, può essere leggermente lucente oppure opaco e può essere utilizzato su qualsiasi tipo di tessuto in particolare su tessuti naturali di cotone, misto lino, lino, non è adatto a tessuti di maglina e jersey, in parole povere su tutti i tessuti elastici.

Filo da cucito in nylon

Se è di buona qualità il filo di nylon è un filato sintetico è molto resistente, più del cotone, e anche leggermente elastico, si trova in tutti i colori e anche trasparente che torna utile per cucire l’orlo alla tende e in tutti quei casi in cui il filo di cucitura non si deve vedere, le sue fibre sono in poliestere ritorte, adatto per qualsiasi cucitura ma particolarmente indicato per cucire tessuti sintetici, tessuti in maglina e per tutti i tipi di jersey.

Filo di lino

Il filo di lino è molto resistente ed è usato sopratutto per cucire i bottoni, a macchina e a mano essendo anche più consistente del cotone.

Filo di seta per cucire

Il filo di seta per cucire è un filato morbido e lucido utilizzato per cucire tessuti di lana e seta, è particolarmente resistente e anche abbastanza elastico, inoltre viene impiegato nelle rifiniture a mano e per ricamare.

Filo resistente

E’ un filo davvero resistente e più grosso rispetto ai precedenti, usato sopratutto per cucire stoffe pesanti e fare cuciture su cappotti, copridivani, biancheria per la casa e in tutti i casi in cui si potrebbe avere bisogno di una elasticità particolarmente resistente, è indicato anche per fare le impunture e il trapunto, questo tipo di filo per cucire si riconosce già al tatto essendo più grosso e più ruvido rispetto agli altri e inoltre è perfetto nel trapunto perchè non si aggroviglia facilmente.

Filo per cucire i jeans

Per cucire il tessuto jeans o stringere e accorciare i pantaloni di jeans occorre un filo robusto meglio se in misto cotone e sintetico, n°40 di solito le cuciture interne si fanno con un colore simile al jeans che può essere blu chiaro e scuro nero o grigio e poi si ripassano le cuciture esterne con un colore più chiaro nei toni del giallo/ marrone.

Filato per imbastitura

Il filo per imbastire è di bassissima qualità ma è adatto allo scopo, in quanto è perfetto per le cuciture di imbastitura e per fare le marche che devono essere tolte dopo la cucitura a macchina, di solito il colore è bianco oppure avorio.

Filo per ricamo a macchina

Il filo per ricamare a macchina è molto morbido ed è venduto in rocchetti molto lunghi in modo da durare più a lungo ed evitare di interrompere il ricamo, è un filo molto sottile perciò sul dritto del lavoro si vedrà solo il filo del ricamo.

Filo per cucire con la tagliacuci

Il filo adatto per la tagliacuci può essere sia di cotone mercerizzato più sottile oppure sintetico che è essenziale quando si devono cucire tessuti elastici come la maglina, inoltre per la tagliacuci è consigliabile usare il filo in coni anzichè rocchetti perchè ne consuma di più.

Come scegliere il colore del filo per cucire

guida per scegliere il filato per cucire

Il colore del filo per cucire qualsiasi cosa, deve essere quanto più possibile simile al colore della stoffa, al massimo se proprio non si può meglio si sceglie un colore leggermente più scuro piuttosto che più chiaro del tessuto.

Se la stoffa è a fantasia si deve scegliere un colore simile al colore di fondo, per capire meglio quale tonalità usare è bene accostare i fili di cotone sulla stoffa e scegliere quello che più si abbina.

Scegliere il filo per cucire adatto ad ogni tipo di tessuto

filo per cucire

  • Per il tessuto sottile si deve usare il filo sottile e per il tessuto pesante un filo più grosso.
  • Si deve usare lo stesso filo sia nella spoletta che nell’ago, tranne in qualche eccezione come per esempio se si cuciono insieme 2 stoffe di colore diverso, in quel caso bisogna utilizzare un filo di misura e materiale uguale di 2 colori diversi.
  • Nella maggiorparte dei fili quanto più alto è il numero scritto sul rocchetto tanto più è sottile, al contrario quanto più è basso il numero più grosso è il filo. Ma controlla sempre se è così perchè mi è capitato di acquistare alcune marche in cui la numerazione è diversa.
  • Per cucire le asole si deve usare un filo robusto e più resistente, la stessa cosa vale per le impunture colorate dei jeans.

Lascia un commento