Come fare un cerchio perfetto a uncinetto

come fare un cerchio perfetto a uncinetto

In questo articolo: come fare un cerchio perfetto a uncinetto con le maglie basse, schema facilissimo e piccoli trucchetti per avere una lavorazione precisa.

Vuoi fare un cerchio perfetto a maglie basse? ecco per te piccoli trucchetti che fanno la differenza, innanzi tutto si inizia con il cerchio magico perchè anche la parte centrale deve essere perfettamente chiusa, se non l’hai mai fatto ti consiglio di seguire il tutorial.

Per fare un cerchio perfetto ad uncinetto a maglia bassa servono degli aumenti che si distribuiscono nel corso dei giri, si parte da un aumento ad ogni maglia e poi man mano si alternano alle maglie basse uniche.

Come fare un cerchio perfetto a uncinetto: differenza

cerchio perfetto a uncinettoIniziamo con il capire perchè un cerchio ad uncinetto è perfetto oppure no, diciamo che la sequenza degli aumenti nel cerchio di solito è divisibile per 6, si parte da 6 maglie nel cerchio magico, si aumentano del doppio nel secondo giro e diventano 12 poi 18-24-30 e via dicendo.

Quando si inizia un nuovo giro, solitamente si procede in 2 modi o con l’aumento e poi con il numero di maglie intervallate dagli aumenti oppure si fa il contrario, prima le maglie e poi gli aumenti ma in questo modo va a finire che invece di un cerchio si fa un leggero esagono con delle punte un pochino sporgenti tanto più visibili quanto più grande sarà il cerchio.

Nella foto in alto puoi vedere questa differenza tra il cerchio rosso che è perfettamente tondo e il cerchio azzurro che sembra quasi un esagono.

Cerchio perfetto a uncinetto schema

Punti impiegati

Ecco lo schema per realizzare il cerchio perfetto a uncinetto, devi sapere che gli aumenti sono sempre divisibili per 6 e le maglie sono identiche al metodo tradizionale, cambia però la collocazione dei primi aumenti che saranno distribuiti tra l’inizio e la fine del giro.

  • 1° giro- 6 maglie basse nel cerchio magico
  • 2° giro – 6 aumenti (12 maglie basse)
  • 3°  giro- 1 maglia bassa, 1 aumento (18 maglie basse) e fin qui è come lo schema classico, ora si cambia.
  • 4° giro- 1 maglia bassa, 1 aumento, 2 maglie basse, 1 aumento e alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 1 maglia bassa. (24 maglie basse)
  • 5° giro- 2 maglie basse, 1 aumento, 3 maglie basse e 1 aumento, alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 1 maglia bassa. (30 maglie basse)
  • 6°giro- 2 maglie basse, 1 aumento, 4 maglie basse e 1 aumento, alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 2 maglie basse. (36 maglie basse)
  • 7° giro – 3 maglie basse, 1 aumento, 5 maglie basse e 1 aumento, alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 2 maglie basse. (42 maglie basse)
  • 8° giro- 3 maglie basse, 1 aumento, 6 maglie basse e 1 aumento, alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 3 maglie basse. (48 maglie basse)
  • 9° giro – 3 maglie basse, 1 aumento, 7 maglie basse e 1 aumento, alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 4 maglie basse (54 maglie basse)
  • 10° giro- 4 maglie basse, 1 aumento, 8 maglie basse e 1 aumento, alla fine del giro dopo l’ultimo aumento, 5 maglie basse (60 maglie basse)

Il procedimento come hai capito è solo quello di spostare gli aumenti iniziali dividendoli tra l’inizio e la fine, tu lo conoscevi questo trucchetto? lo utilizi nei tuoi lavori?

Lascia un commento

Translate »