patchwork tecnica tradizione antica e attuale

patchwork tecnica      patchwork tecnica meravigliosa

Il patchwork è un’arte che nasce dalla necessità di utilizzare avanzi di stoffe riciclate da vecchi vestiti e camice per confezionare calde trapunte per proteggersi dal freddo in un epoca in cui le stoffe erano scarse ed erano un lusso che pochi potevano permettersi

con la tecnica del patchwork le donne riuscivano a realizzare delle bellissime e calde coperte cucendo insieme e trapuntando piccoli pezzi di stoffe per tenerle unite, le trapunte patchwork venivano imbottite con foglie secche e carta e il trapunto doveva essere molto stretto e ravvicinato per poter tenere fermo il materiale usato per imbottitura

patchwork tecnica nella storia

già in epoca medioevale le donne si dedicavano a rattoppare avanzi di tele per ripararsi dal freddo, in Inghilterra il patchwork era una pratica molto comune che fu trasferita in america con i primi pionieri  essendo poveri, le donne avevano trovato il modo di riutilizzare dei vecchi abiti cucendo insieme le parti ancora buone per creare bellissime trapunte che poi riempivano di foglie di granturco

pian piano questa tecnica viene sempre più affinata con accostamenti di colori e stoffe di uguale trama dando vita a dei veri capolavori di creatività e iniziarono a nascere i  vari simboli del patchwork e una trapunta “raccontava” sempre una storia quasi sempre della famiglia di chi la confezionava come le coperte nuziali che dovevano essere finite solo con la promessa di matrimonio

i motivi tradizionali del patchwork sono le fedi intrecciate, la foglia di te, la log cabin, la Capanna di tronchi, il motivo a tulipano, la stella dell’Ohio, il piatto di Dresda e tanti altri che pian piano inizieremo a conoscere

il patchwork una tecnica più che mai attuale

il patchwork è una tecnica di arti manuali per principianti ed esperte di cucito, da realizzare a macchina e a mano con ago e filo

oggi esistono talmente tante varietà di forme e disegni per realizzare i blocchi che ognuno può scegliere in base alla propria capacità e ispirazione e non c’è limite alla fantasia

per iniziare a prendere confidenza con la tecnica patchwork si può iniziare a realizzare dei blocchi semplici con quadrati e triangoli da usare per confezionare cuscini e presine ma vediamo quali sono gli strumenti necessari per iniziare questa tecnica

 patchwork tecnica e tessuti da utilizare

patchwork tecnica tessuti per il patchwork tradizionale il tessuto migliore è il cotone stampato da abbinare tra tinta unita, motivi piccoli, medi e grandi, motivi geometrici,  la scelta dei colori è fondamentale per dare il massimo risalto al lavoro

i tessuti americani sono i migliori con la loro trama regolare e un’infinita varietà di motivi e colori ma si possono fare dei meravigliosi lavori anche con tessuti di riciclo come vecchie camicie

patchwork tecnica -materiali e attrezzature

sagome di cartone cucito creativo
tecnica patchwork -forme e sagome

le forme e le sagome dei modelli sono degli strumenti indispensabili per questa tecnica, si trovano in commercio in plastica e metallo ma si possono fare anche a casa con del cartone pressato per risparmiare come spiegato in questo articolo sagome di cartone

 

piano da taglio rigenerantetecnica patchwork -piano da taglio rigenerante 

è uno strumento utilissimo insieme alla taglierina rotante ci permette di tagliare velocemente e perfettamente più strati di stoffa con un taglio netto e pulito, il piano non si taglia assolutamente e inoltre su entrambe le superfici ci sono disegnate tantissime linee guida sia in centimetri che in “inches” la misura americana e inglese

 

taglierina rotante

taglia in modo netto e preciso e molto velocemente molti strati di stoffa anche fino a 8  se di cotone leggero, la lama si sostituisce quando ci si accorge che si fa più fatica a tagliare e non dimenticate mai di inserire la sicurezza ogni volta che si possa sul piano perché molto tagliente!!! inoltre si deve usare solo  sul piano autorigenerante e con l’apposito righello di plastica da tenere come guida per il taglio

forbici

  è bene usare delle forbici professionali solo ed esclusivamente per il taglio delle stoffe, altre forbici utili sono quelle da ricamo e altre medie

macchina da cucire

di macchine per cucire ce ne sono per tutti i gusti, semplici e professionali, manuali, elettriche e automatiche e poi ci sono anche quelle adatte alla tecnica patchwork ma per iniziare va bene anche una semplice macchina con punto dritto e zig zag

tecnica patchwork -altri attrezzi utili e indispensabili

matita, spilli, spille di sicurezza, aghi in diverse misure, cotone da trapunto, ditale, taglierino, compasso, carta millimetrata, colla spray riposizionabile, colla stick, ferro da stiro, gesso per sarti, carta biadesiva termoindurente, ovatta sintetica in fogli

tecnica patchwork -come tagliare i tessuti

per tagliare i tessuti da utilizzare nelle tecniche patchwork si devono seguire delle semplici regole per un lavoro perfetto

margine di cucitura. il margine di cucitura da aggiungere ad ogni lato di quadrati e altre forme di stoffa, è di 0,6 cm che corrisponde alla misura del piedino della macchina da cucire, per fare un esempio, se volete ottenere un quadrato di cm 6 dovete tagliare un quadrato di cm 7,2 per lato (0,6 per lato 6+1,2 cm)

per ottenere velocemente più quadrati si tagliano delle strisce di cm 7,2 di larghezza abbastanza lunghe e poi si taglia la striscia in quadrati di 7,2 cm, si possono tagliare più strisce di tessuto insieme fino al massimo di 8

per ottenere 2 triangoli da un quadrato occorre aggiungere un margine di 22 mm in più rispetto alla misura del quadrato finale

per ottenere 4 triangoli da 1 quadrato la misura del margine da aggiungere sarà di 32 mm in più rispetto al quadrato finale

per ottenere più quadrati diversi già uniti tra loro basta cucire le strisce intere alternate nei vari colori e poi tagliare i quadrati

una cosa importante da ricordare ogni volta che si cuciono delle toppe si dovranno stirare per appiattire le cuciture e tendere il tessuto

patchwork -cucitura delle toppe

per toppe si intendono i vari pezzi di stoffa che una volta cuciti andranno a formare i blocchi con cui assemblare trapunte e altri lavori

le toppe si possono cucire a mano o a macchina ma in ogni caso richiedono sempre molta precisione perché ogni pezzo deve combaciare perfettamente con l’altro, in caso di cucitura a mano i punti devono essere regolari, in ogni caso bisogna sempre fare dei punti indietro sia all’inizio che alla fine  per bloccare il filo

 

tecnica patchwork -le cuciture particolari nelle toppe

per prendere confidenza con le tecniche patchwork è bene iniziare con lavori molto semplici, quadrati, triangoli e rettangoli poi si passerà alle tecniche speciali come le cuciture su linee curve, realizzare le stelle a otto punte con i relativi incastri che spiegherò in modo dettagliato in un prossimo articolo

Salva

Lascia un commento