Fibre sintetiche: guida ai tessuti

guida ai tessuti le fibre sintetiche

In questo articolo cerchiamo di capire quali sono le fibre sintetiche, come sono fatte e le loro caratteristiche, pregi e difetti.

Nelle scorse guide ho spiegato quali sono i tessuti con con fibre naturali vegetali  e le fibre naturali di origine animale  passiamo ora alla guida delle fibre sintetiche per scoprire con quali materiali e con quali trattamenti sono realizzate.

Le fibre sintetiche sono realizzate con materiali derivati dal petrolio da non confondere con le fibre artificiali, sono utilizzate per creare dei tessuti a basso costo di produzione ed hanno la caratteristica di poter essere manipolate con la chimica per creare tessuti che in natura non esistono come quelli impermeabili o elastici per fare un esempio.

Fibre sintetiche: cosa sono

guida ai tessuti sintetici

Alcune delle fibre sintetiche più conosciute sono l’Elastan che rende il tessuto elasticizzato, il Neoprene, il Nylon e il Poliestere e con queste si realizzano alcuni tessuti che sono diventati di uso comune e che molto difficilmente si potrà più farne a meno perchè più facili da lavare, non hanno bisogno di essere stirati, sono più economici e mantengono più a lungo.

Purtroppo c’è anche un lato negativo, questi tessuti non sono traspiranti e dovrebbero essere evitati da chi ha problemi di allergie alla pelle sopratutto in estate, non sono biodegradabili e possono rilasciare microparticelle di sostanze plastiche durante il lavaggio.

Anche io per molti anni ne ho fatto un uso intensivo, per molti anni ho utilizzato solo maglie estive ed invernali elasticizzate, anche le canotte interne ma poi pian piano ho iniziato ad avvertire dei fastidi sulla pelle e mi sono informata.

Ora sono tornata ad utilizzare le classiche magliette di cotone sia estive che invernali e non mi importa se durano di meno ma mi fanno sentire molto meglio.

Ho dovuto eliminare completamente le calze in licra, il pile e le canotte in microfibra e poco importa se le gonne le indosso solo in estate ma ho risolto i miei problemi di allergia alla pelle.

Fibre sintetiche: quali sono

Jersey sintetico

il jersey sintetico è un tessuto misto ad elastan per rendere la stoffa elastica, è leggermente più sottile del jersey in cotone e anche più lucido, con questo tessuto si confezionano maglie, canotte, biancheria intima piuttosto elasticizzata.

Lycra

la lycra è un tessuto elastico realizzato con il poliuterano, è molto sottile e può essere sia lucido che opaco se si tende riesce a raddoppiare la lunghezza iniziale, in lycra sono realizzati i vestiti per il ballo, i costumi da bagno e anche la fettuccia da lavorare all’uncinetto

Microfibra

La microfibra è un tessuto in fibra di poliestere, poliammide e polipropilene, la microfibra è definita un tessuto non tessuto molto usato e apprezzato sia nell’abbigliamento che nella biancheria di casa e che dire dei panni delle pulizie domestiche? possiamo dire che il tessuto in microfibra è stata una delle più belle invenzioni nel campo tessile.

Il tessuto in microfibra può essere anche elastico, morbido e di facile lavaggio, infatti le macchie non vanno in profondità e si tolgono facilmente e non si stira.

Pile

Il pile è un tessuto sintetico composto da fibre in poliestere, poliammide, acrilico ed elastane, anche il pile viene considerato un tessuto non tessuto realizzato con una particolare lavorazione a maglia che lo rende morbido, voluminoso e soffice, il pile non si stropiccia, è lavabile in lavatrice, è irrestringibile ed molto caldo.

Tulle in nylon

Il tulle in nylon è un tessuto rigido che lo rende particolarmente adatto per creare volume sotto agli abiti principalmente abiti da sposa oppure abiti e costumi per la danza.

Lascia un commento